..................

logocorrilabruzzo01

2018 Logo X Sito

  • 2019 da Facebook
  • LOGO CORRILABRUZZO2 2
  • 2022 05 01 San Salvo Testata
  • 2023 05 27 Guardiagrele Testata
  • 2023 06 02 Lanciano Testata
  • 2023 06 10 Chieti Testata
  • 2024 04 27 Cupello Testata
  • Video dalle Pagine Facebook
  • 1987
  • 12° Running Day
  • 43^ Maratonina Pretuziana
  • IX Notturna Città di Guardiagrele
  • Carcio Running

Carcio Running

Sabato 29 Aprile, la Podistica Cupello, organizza la prima edizione di “Carcio Running” in occasione del Festival del Carciofo a Cupello che prevede quattro giornate di sagra: 28-29-30- aprile e 1°maggio. La gara prende il nome da questo ortaggio. Il Percorso è misto cittadino, sono circa 9 km in totale, da percorrere in due giri. Il ritrovo è alle ore 14,30 in piazza Garibaldi, partenza gara ragazzi ore 15,30, partenza gara adulti ore 17,00. Ci sarà anche la camminata che comprende un solo giro del percorso di circa km 4,400 Costo del pettorale 7,00 €. Promozione pettorale e menù 22’00 € (per menù pesce +3,00€). Di contorno alla gastronomia ci sono spettacoli, musica, incontri, intrattenimenti per bambini, sfilata dei trattori e carri agricoli. Per altre info consultare il volantino.

carciofo cupello

Un po' di storia: la sagra del carciofo si organizza da 40 anni, la varietà è la “mazzaferrata” ed ha bisogno di un clima mite. E’presente in Abruzzo dal XVI secolo ed è tipico del bacino Mediterraneo. L’Egitto è una delle nazioni più produttive di carciofi. L’Italia ha circa 50.000 ettari coltivati ad ortaggi, si coltivano in puglia, Basilicata, Sardegna, Sicilia e Abruzzo meridionale di cui Cupello è la più forte entità produttiva di carciofo ed è presente dal 1575 come ci dice il padre dominicano. Fin dall’antica Roma i nostri terreni venivano donati a chi si distinguevano nelle guerre. Il carciofo cresceva spontaneo solo sul terreno di Cupello. Nel 1800 il commercio del carciofo inizia in Abruzzo. Nel 1929 esistevano circa 19 ettari di terreni coltivati a carciofi. Negli anni 50 alcune piantine di mazzaferrata venivano portate da un monaco da Campagnano a Punta Penna e da lì nacque la coltivazione della mezzaferrata. Dagli anni 60 agli anni 80, furono coltivati 200- 250 ettari di terreni, In un giorno rientravano un milione di pezzi e venivano esportati in Campania, in sacchi, l’80% e il 20% nelle Marche, Umbria ed Emilia Romagna. E così dopo 12 sagre, 5 carciofeste ed 8 festival si è arrivati ad iniziare il percorso per il riconoscimento IGP, (Identificazione Geografica Protetta), insieme con la cooperativa San Rocco. La Podistica Cupello vi invita a partecipare alla CarcioRunning e alle serate di festa in onore del Festival del Carciofo.

volantino Cupello

Utenti
130
Articoli
480
Visite agli articoli
6869430