..................

logocorrilabruzzo01

2018 Logo X Sito

  • 2018 Logo Insieme
  • 2018 Logo e societa
  • 2018 10 28 Atessa Testata
  • 2018 11 04 Miglianico Testata
  • 28 ottobre 2018 - Atessa
  • 4 novembre 2018 - Miglianico

CORRILABRUZZO a 360 gradi

di Marcello Casasanta (Presidente Corrilabruzzo)

Amici podisti anno nuovo nuova vita e nuova linfa al PROGETTO CORRILABRUZZO 2017.

Un 27° CAMPIONATO che sempre di più spazia a 360 gradi, mettendo leggermente da parte lo spirito agonistico, cercando di affermare i valori che ci hanno spinto una mattina a iscriverci ad una associazione che fa SPORT. Mettiamo da parte i risultati cronometrici e concentriamoci sui 4 VALORI FONDANTI del nostro CORRILABRUZZO

GIOVANI SALUTE SOLIDARIETA’ TERRITORIO

foto01

Loro devono spingerci a partecipare al progetto. Vedere oggi 8 società podistiche del CORRILABRUZZO che fanno attività giovanile ci riempie di ORGOGLIO. Novità assoluta è l’istituzione del CAMMINALABRUZZO, con le sue tappe inserite all’interno del CORRILABRUZZO.

UNA REGOLA che non cambieremo più, e che non possiamo ai nostri ATLETI far fare 50 GARE per vincere il CAMPIONATO. Il nostro DOCTOR MASSIMO NICOLAI, ci insegna che in un anno 30 GARE sono già tante ed allora il DIRETTIVO del CORRILABRUZZO ha deciso.

foto02

Per la CLASSIFICA GENERALE e la CLASSIFICA DI CATEGORIA ADULTI e RAGAZZI valgono i migliori 30 punteggi. ( verranno conteggiati solo 30 gare con i migliori 30 punteggi). Nelle gare ARGENTO e ORO vengono assegnati i punti per tutte le classifiche GENERALE di CATEGORIA e di SOCIETA’. Nelle gare BRONZO vengono assegnati i punti solo per la classifica GENERALE e di SOCIETA’ Per la CLASSIFICA SOCIETA’ adulti e ragazzi valgono tutte le gare a cui un atleta ha partecipato. Abbiamo il dovere come adulti di dare e fare messaggi importanti per il futuro ai nostri figli. Tempi, allenamenti, diete, risultati sono importanti, ma non devono diventare il nostro obbiettivo. Siamo certi che chi segue il CORRILABRUZZO segue i suoi progetti e i suoi risultati.

GRAZIE A TUTTI VOI

CI VEDIAMO DOMENICA

Strateaterno a CHIETI e Mezza Maratona a MARTINSICURO

A voi la scelta.

CORRILABRUZZO 2017…SI PARTE!!!!

di Maurizio Tucci (U.S. Acli Marathon Chieti)

Domenica 19 Marzo 2017 con la prima edizione assoluta della Strateaterno in quel di Chieti Scalo e con la Mezzamaratona dell’Adriatico a Martinsicuro, riparte finalmente il nostro amato Corrilabruzzo, una parola forse grammaticalmente scorretta che però racchiude dentro di sé un universo composto di colori, calore, entusiasmo, fatica, lealtà, correttezza, simpatia e tanto sudore.

a1

Tantissimi saranno i “runners” pronti a sfidare se stessi e gli altri in tutte le località che li ospiteranno, dal mare alla montagna, dai piccoli borghi fino ai capoluoghi di provincia e magari con qualche escursione al di fuori dei confini abruzzesi…pronti e determinati ma con la consapevolezza e l’orgoglio delle bellezze della nostra regione che tutti ci invidiano: paesaggi splendidi, panorami mozzafiato, monumenti storici e luoghi anche di cultura saranno valorizzati maggiormente da tali eventi sportivi che di fatto svegliano dalla routine quotidiana e trainano l’attenzione dei media, dei lettori, dei telespettatori, dei semplici curiosi e passanti oltre che di tutti i nostri accompagnatori .

a2

E pazienza se talvolta il caldo intenso, la pioggia incessante, l’asfalto imperfetto, il ristoro mancato, i premi disomogenei, il vento contrario, i secondi del cronometro, i punti in classifica, l’incrocio non segnalato oppure l’immancabile reclamo di turno fanno parlare più della gioia e della spensieratezza di condividere una passione sportiva che ci rende tutti uguali davanti alla linea di partenza!

Siamo tutti sportivi, non importa se praticanti oppure spettatori. Siamo tutti corrilabruzzesi!!!!

ZIBALDONE QUELLO CHE GLI EPS NON DICONO: LA CRITICA (E L’AUTOCRITICA) DI CORRILABRUZZO SUL PODISMO AMATORIALE

di Gianni Roveda (Runners Tordino)

Ho parlato dello spirito che dovrebbe guidare ogni podista e ogni società nella promozione sportiva, convinto che l’esasperazione del fattore competitivo unito a qualche risorsa economica, la “retribuzione” degli atleti amatoriali a qualsiasi titolo e la caccia ai premi in denaro da parte degli “ex pro” o presunti tali siano un male assoluto il movimento podistico amatoriale. C’è un altro aspetto che non amo del podismo amatoriale, e che ho difficoltà a digerire, che è la proliferazione degli enti di promozione sportiva. OK, detto così è brutto, sembra quasi che sia contrario alla promozione sportiva, ma non è così: non sono contrario alla promozione sportiva in se, sono contrario a come viene interpretata dagli enti.

Cerco di spiegarmi.

foto3 1

L’ente di promozione sportiva, qualsiasi esso sia, , LIBERTAS, UISP,   CSEN, AICS, ENDAS ASI etc etc o quant’altro ha come unico scopo istituzionale la promozione dello sport, inteso come conoscenza della disciplina, condivisione, equilibrio, diffusione dei valori sportivi in termini di benessere fisico e mentale, aggregazione e divertimento. Come stabilito dal loro statuto, gli EPS “hanno per fine istituzionale la promozione e la organizzazione di attività motorie - sportive con finalità ricreative e formative, e che svolgono le loro funzioni nel rispetto dei principi, delle regole e delle competenze del Comitato Olimpico Nazionale Italiano (CONI)”. Sono, quindi, escluse (e non potrebbe essere altrimenti) le finalità meramente agonistiche e prestazionali, che sono sempre e comunque subordinate alle finalità educative, formative e promozionali.

STRETCHING........????

Nicolai Dott. Massimo

Mi piace fermarmi ad osservare atleti, in senso lato, che mettono in pratica esercizi di stretching in qualsiasi momento della loro attività sportiva. Mi piace anche quando mi è possibile fermarmi a parlare con loro e farmi spiegare il perché e il percome sottopongano il loro fisico, magari in un momento di particolare stress, a questo tipo di esercizi. Le risposte sono le più diverse, il più delle volte senza un supporto scientifico serio: si fa stretching perché....è di moda, lo fanno tutti. Al di là dei facili luoghi comuni oggi parlare di stretching è ...pericoloso...perché purtroppo si dice tutto e il contrario di tutto e di dimostrato scientificamente esiste ben poco. L’ esperienza mi porta a considerare valide quelle metodiche che eseguite su grandi numeri, ci permettono di dare delle risposte più certe, anche se opinabili, ovviamente sempre però sulla base di grandi numeri. La risposta che danno il maggior numero di atleti alla domanda perché lo fai è: per allungare i muscoli o per fare riscaldamento.

FOT02

Cominciamo a prendere in considerazione quelli che dovrebbero esser i momenti ottimali per eseguire esercizi di stretching. Quando si inizia una qualsiasi seduta di allenamento bisogna, riscaldarsi a dovere, alzando la temperatura interna del corpo.

www.corrilabruzzo.it  CF.91127730686

2017 Adi Apicoltura 2017 Agriverde   2017 Caffe Gemelli  2017 DAlessandro   2017 Di Renzo Pubblicita96
2017 ENDU 2017 Giosport96 2017 NS Bandiere 2017 Spinelli 2017 Rioverde1

 

2018 08 23 Muro Corrilabruzzo

Utenti
127
Articoli
273
Visite agli articoli
4157259