..................

logocorrilabruzzo01

2018 Logo X Sito

  • 2018 Logo Insieme
  • 2018 Logo e societa
  • 2018 06 23 Casalbordino Tes
  • 2018 06 30 CSA Testata
  • 2018 07 01 Frisa Testata
  • 23 giugno 2018 - Casalbordino
  • 30 giugno 2018 - Città Sant'Angelo
  • 01 luglio 2018 - Badia di Frisa

LA NOTTURNA

di Romano Frezzini (Presidente Regionale US ACLI)

Fervono i preparativi organizzativi per la 20' edizione della gara podistica Notturna Città di Chieti Trofeo intitolato al dottor Sandro Angeloni compianto medico sportivo, pediatra e soprattutto affezionato cittadino teatini. Ad onor del vero la gara podistica già denominata STRATEATE  è giunta alla 43' edizione in quanto fu promossa dalle Acli teatine nel 1975. Anche quest'anno la gara organizzata dalla US Acli Marathon Chieti presieduta da Pietro Petrucci, si fregia della denominazione di gara podistica nazionale riconosciuta dall'Unione Sportiva Delle Acli Nazionali. La competizione è stata classificata GARA ORO  da 50 punti nell'ambito del circuito Corrilabruzzo sapientemente presieduto dal dinamico Marcello Casasanta che insieme ai suoi preziosi collaboratori diffonde la pratica sportiva nella nostra bella regione facendola conoscere non solo agli atleti ma soprattutto ai tanti appassionati del mondo dello sport. Il Corrilabruzzo porta il suo messaggio della tutela della salute di stimolare tra i giovani la corsa, di solidarietà e di valorizzare il nostro bellissimo territorio.

foto 1 notturna di chieti

Il Circuito promuove il territorio con le sue bellezze ambientali, artistiche, e con i suoi prodotti agricoli ed artigianali tanto richiesti dagli appassionati.

La gara Notturna Città  di Chieti si svolgerà sabato 9 giugno 2018 nel centro storico cittadino di Chieti. Sarà come di consueto preceduta dalle gare dei ragazzi di ogni categoria che chiaramente saranno impegnati in percorsi diversi ma sempre nel centro cittadino. L' appuntamento è per le ore 17,00 in piazza San Giustino a Chieti. Gli organizzatori saranno onorati di accogliere tanti podisti di ogni età ed hanno riservato, per i più grandi il parcheggio dedicato in piazza Garibaldi. Un arrivederci a presto per vedervi correre nella città di Chieti.

Pescara, emozioni alle stelle con Donati, Calcaterra e De Benedictis

di STEFANO SIRIANI www.abruzzolive.tv

Emozioni alle stelle ieri pomeriggio a Pescara all’incontro organizzato da “Corrilabruzzo” e da “Runners Pescara”, dal tema “A TUTTI I COSTI il successo… sopra tutto”. Ha fatto gli onori di casa Mario De Benedictis,  presentando al pubblico Sandro Donati definendolo “il maestro dello sport e uno scienziato dello sport" – e rimarcando che “la lotta al doping sembra quasi una lotta contro i mulini a vento e Alessandro Donati è stato considerato un “Don Chisciotte” per la sua etica nello sport”. Poi Giorgio Calcaterra campione delle ultra distanze che ha vinto oltre a tre campionati del mondo, anche per ben 12 volte consecutive la 100 chilometri del “Passatore” e si appresta alla tredicesima partecipazione il prossimo 26 maggio. Assente giustificato, che ha affidato i suoi saluti ad un video proiettato in sala, Tommaso Marchese, avvocato esperto di tematiche antidoping. (nella foto da sinistra, Alessandro Donati, Mario De Benedictis, Giorgio Calcaterra)

foto 1 suriani

 Il dibattito è entrato subito nel vivo quando alla domanda rivolta da De Benedictis a Calcaterra su cosa rappresentasse secondo lui il doping sportivo, quest’ultimo lo ha definito “Un furto. Credo che chi si dopa stia realmente rubando. Secondo me dovrebbe essere considerato non solo un reato sportivo. Chi si dopa non solo ruba i titoli sportivi, ma ruba la nostra fiducia. Purtroppo, questo stato di cose insinua dubbi su tante prestazioni sportive e non si è mai certi se le vittorie siano sempre pulite”. Nel Passare la parola a Donati, il moderatore lo ha invitato a commentare una sua affermazione durante un convegno passato nel quale Donati asseriva: “Punto centrale del doping risiede nella corruzione delle istituzioni che si autoassolvono e si difendono l’una con l’altra, descrivendo il doping come fenomeno strettamente individuale, e dove il singolo paga per tutti”. “Indubbiamente le persone sono attratte da quello che è vicino a loro, da quello che vedono, e fanno fatica ad immaginare quello che c’è dietro - ha risposto Donati. - Purtroppo io il doping l’ho scoperto dal di dentro, all’interno del Coni, perché ero un dipendente del Coni e un allenatore della squadra nazionale. Mi fu proposto di fare il doping agli atleti della squadra nazionale. Quindi, da quel momento la mia visione è stata diversa. Io nei confronti di un atleta dopato, mi pongo le seguenti domande: chi ha organizzato a che si dopasse? Chi lo copre? Chi ha creato il sistema di protezione cosicché possa continuare a doparsi? Ad esempio, ci sono categorie di atleti che godono di esenzioni terapeutiche per patologie che non hanno. Quella è una forma di doping istituzionale. Questi atleti si dopano con la protezione delle istituzioni. Credo sia più difficile per il pubblico comprendere il ruolo delle istituzioni corrotte. Purtroppo, queste sono alla base di tutto”.

foto 2 suziani

 Successivamente De Benedictis ha solleticato Donati sulla differenza tra il “doping dei campioni, degli sponsor ultra milionari” e “il doping degli amatori”, affermando che quest’ultimo “fa grossi numeri per le case farmaceutiche.” Nel merito Donati ha risposto che: “Sono due fenomeni molto diversi nel senso che sono tutte e due da condannare, ma il professionista ha delle motivazioni e stimoli di carattere economico, oppure legate al successo che in qualche modo contribuiscono a determinare questa sua decisione sbagliata. L’atleta amatoriale non gode di nessun vantaggio economico, paga perfino per partecipare alle gare, non ha guadagni da portare avanti, non ha gratificazioni derivanti dalle prestazioni,  perché il risultato non ha nessun significato. Quindi, è evidente che di fronte al doping degli amatori noi dobbiamo porci altre domande: qual è la reale causa? Qual è il motivo? La risposta è una non accettazione di se stessi. E’ un’ambizione che va al di la delle proprie capacità e di voler apparire più bravi di quello che si è. In qualche modo il doping degli amatori è molto più grave del doping dei professionisti, anche perché si svolge tra colleghi, amici, che non hanno la stessa ossessione da risultato. Negli amatori un terzo fa uso abituale di farmaci, circa 3,3 farmaci a testa, in genere antinfiammatori e antidolorifici. E’ evidente che non sono dopanti, ma indicano l’ossessione di dover andare avanti ad ogni costo, quando ad esempio, davanti ad una infiammazione bisogna solo fermarsi e aspettare che passi. La salute è al primo posto. E’ molto più grave il doping amatoriale perché gli amatori sono spesso padri, madri, nonni, di giovani atleti e infondono loro una cultura sbagliata, avendo trasformato la pratica sportiva non come un piacere, ma in una ossessione”.

LA CORSA DEL GRAN SASSO atto primo

di Massimo Di Taranto (Pretuzi Runners)

Gara competitiva 8 km 03/06/2018 – Prati di Tivo

(…)

foto 1

La maglietta per il pacco gara? Di che colore la facciamo? Arancio? Si arancio. E i loghi? Come li mettiamo? È un bel da pensare questo qua. Qui non ci entra. Prova davanti. Dietro. No, mettiamolo di fianco all’altro… o sotto? Aspetta. Ma la protezione civile con quanti volontari l’abbiamo impegnata? Quattro? Sei? Basteranno? Il bivio a cui bisogna prestare più attenzione è quello dei Prati Bassi. Vediamo in quanti siamo come volontari, poi decideremo. Ma il percorso? L’anello, quindi, quante volte? Certo che è un bel percorso duro, ambiente severo, in mezzo al bosco, sotto la parete nord, incombente del Corno Piccolo, 2650 metri, su e giù per i Prati di Tivo. Caspita. Siamo a 1450 metri slm, i crochi e i bucaneve avranno invaso i Prati con colore e profumi.  Sarà proprio un giorno di festa…

(…)

FOTO2

PESCARA HALF MARATHON

di DOMENICO D’ONOFRIO (Runners Pescara)

Buongiorno RUNNERS.
siamo in dirittura d'arrivo , la V*edizione della Pescara Half Marathon sta arrivando. Oramai sta diventando la gara di tutti gli Abruzzesi e noi siamo felici ed orgogliosi di questo.
Il nostro martoriato Abruzzo e la nostra Splendida Città meritano di ospitare un evento a livello Nazionale e Internazionale. 

foto 1 Lo Staff della Runners Pescara da 8 mesi sta lavorando per ottenere un risultato di numeri e qualità, ma è fondamentale l'apporto della TUA squadra e di tutti gli ATLETI Abruzzesi per far si che ciò si renda possibile.

foto2 pescara 1

Le iscrizioni delle 21 km sono state posticipate a MERCOLEDI 16 maggio  ore12 , per la 10,5 km chiusura iscrizioni sabato presso EXPO. Il percorso sarà rivoluzionato, uno splendido passaggio sul Corso Vittorio Emanuele , sul Lungofiume dei Poeti e sul  nuovo Ponte Flaiano , nella Golena Sud, all'Aurum con arrivo nello Stadio Adriatico! Solo per la gara  gara ragazzi e la Family Run non competitiva di 5 km  le iscrizioni si possono fare anche domenica.  Ti aspettiamo al ritiro pettorali in Piazza Muzii il sabato 19 maggio dalle ore 10 alle ore 19 e nel pomeriggio potrai assistere all'incontro verità  con l'allenatore di Alex Schwazer, Alessandro Donati Tommaso Marchese, e con Giorgio Calcaterra  Fieri di portare in alto il nome dell'Abruzzo.

foto3 pescara

 

www.corrilabruzzo.it  CF.91127730686

2017 Adi Apicoltura 2017 Agriverde   2017 Caffe Gemelli  2017 DAlessandro   2017 Di Renzo Pubblicita96
2017 ENDU 2017 Giosport96 2017 NS Bandiere 2017 Spinelli 2017 Rioverde1

 

2018 Muro Corrilabruzzo

Utenti
127
Articoli
235
Visite agli articoli
3906182