..................

logocorrilabruzzo01

2018 Logo X Sito

  • 2019 da Facebook
  • LOGO CORRILABRUZZO2 2
  • 2022 05 01 San Salvo Testata
  • Video dalle Pagine Facebook
  • 10° Trofeo dell'Angelo - 30 luglio 2022 - Città Sant'Angelo

ZIBALDONE QUELLO CHE GLI EPS NON DICONO: LA CRITICA (E L’AUTOCRITICA) DI CORRILABRUZZO SUL PODISMO AMATORIALE

di Gianni Roveda (Runners Tordino)

Ho parlato dello spirito che dovrebbe guidare ogni podista e ogni società nella promozione sportiva, convinto che l’esasperazione del fattore competitivo unito a qualche risorsa economica, la “retribuzione” degli atleti amatoriali a qualsiasi titolo e la caccia ai premi in denaro da parte degli “ex pro” o presunti tali siano un male assoluto il movimento podistico amatoriale. C’è un altro aspetto che non amo del podismo amatoriale, e che ho difficoltà a digerire, che è la proliferazione degli enti di promozione sportiva. OK, detto così è brutto, sembra quasi che sia contrario alla promozione sportiva, ma non è così: non sono contrario alla promozione sportiva in se, sono contrario a come viene interpretata dagli enti.

Cerco di spiegarmi.

foto3 1

L’ente di promozione sportiva, qualsiasi esso sia, , LIBERTAS, UISP,   CSEN, AICS, ENDAS ASI etc etc o quant’altro ha come unico scopo istituzionale la promozione dello sport, inteso come conoscenza della disciplina, condivisione, equilibrio, diffusione dei valori sportivi in termini di benessere fisico e mentale, aggregazione e divertimento. Come stabilito dal loro statuto, gli EPS “hanno per fine istituzionale la promozione e la organizzazione di attività motorie - sportive con finalità ricreative e formative, e che svolgono le loro funzioni nel rispetto dei principi, delle regole e delle competenze del Comitato Olimpico Nazionale Italiano (CONI)”. Sono, quindi, escluse (e non potrebbe essere altrimenti) le finalità meramente agonistiche e prestazionali, che sono sempre e comunque subordinate alle finalità educative, formative e promozionali.

STRETCHING........????

Nicolai Dott. Massimo

Mi piace fermarmi ad osservare atleti, in senso lato, che mettono in pratica esercizi di stretching in qualsiasi momento della loro attività sportiva. Mi piace anche quando mi è possibile fermarmi a parlare con loro e farmi spiegare il perché e il percome sottopongano il loro fisico, magari in un momento di particolare stress, a questo tipo di esercizi. Le risposte sono le più diverse, il più delle volte senza un supporto scientifico serio: si fa stretching perché....è di moda, lo fanno tutti. Al di là dei facili luoghi comuni oggi parlare di stretching è ...pericoloso...perché purtroppo si dice tutto e il contrario di tutto e di dimostrato scientificamente esiste ben poco. L’ esperienza mi porta a considerare valide quelle metodiche che eseguite su grandi numeri, ci permettono di dare delle risposte più certe, anche se opinabili, ovviamente sempre però sulla base di grandi numeri. La risposta che danno il maggior numero di atleti alla domanda perché lo fai è: per allungare i muscoli o per fare riscaldamento.

FOT02

Cominciamo a prendere in considerazione quelli che dovrebbero esser i momenti ottimali per eseguire esercizi di stretching. Quando si inizia una qualsiasi seduta di allenamento bisogna, riscaldarsi a dovere, alzando la temperatura interna del corpo.

Maratonina dei fiori

di Domenico Piunti

SAN BENEDETTO DEL TRONTO 25-26/03/2017

MARCHE

Il 26/03/2017 ritorna la Maratonina dei Fiori,  gara nazionale UISP e regionale FIDAL di km. 21 che quest’anno arriva alla 19^ edizione. Come molti sanno si corre su un percorso che crediamo straordinario e ormai consolidato sul "lungomare delle palme", a pochi metri dal mare, piatto, lineare, velocissimo (DISLIVELLO 0) dove è possibile rendere al massimo e sfidare il proprio record.

Abbiamo mantenuto le quote di iscrizione della mezza maratona del 2016 e SE CI SI ISCRIVE ENTRO IL 9/03/2017 ESSA E’ DI 18 EURO

FOTO1

i servizi offerti sono gli stessi dello scorso anno compreso il pettorale con il proprio nome per gli iscritti entro il 09/03/2017. Il pacco gara prevede la maglia a manica lunga personalizzata, il calzino tecnico made in italy e la medaglia a tutti coloro che concluderanno la gara. Confermata pure per il 2017 la decisione di riservare il sabato pomeriggio (25/03/2017) dalle 17.30 in poi alle non competitive per ragazzi dai 6 ai 15 anni con distanze da 100m a 2000m svincolandole dagli orari angusti della domenica mattina.

Quando la corsa non ha valore, ma ha un prezzo

ZIBALDONE - Pensieri In Libertà

di Gianni Roveda (Runners Tordino)

Ho di recente letto la storia di Yuki Kawauchi, maratoneta giapponese, primatista nazionale e fra i primi 10 al mondo con il PB di 2h09’54”. Una storia fatta di dedizione e sacrificio, di allenamenti “rubati” alla famiglia e al suo lavoro di impiegato pubblico (in Giappone, dove l’impiegato pubblico lavora sul serio). Eppure lui stesso dichiara: “"Preferisco correre liberamente. Diversamente dai professionisti, non corro per vincere premi in denaro o per trovare degli sponsor. Corro per soddisfare il mio interesse personale e per sfidare me stesso. Non voglio perdere la mia libertà" Ecco, inviterei Kawauchi a conoscere la realtà del podismo amatoriale nostrano, più che altro per stimolarlo a riflettere se lui sia un povero illuso o noi dei poveretti e basta. Perché invece non è un segreto che il podismo abruzzese-marchigiano sia fatto di autentici fenomeni, così tanto fenomeni da potere auspicare sempre ad un premio in denaro o ad un riconoscimento economico. Amatori esaltati, ex professionisti o presunti tali, personaggi che si sono costruiti a livello locale una specie di reputazione di “campioni” che corrono le gare amatoriali solo se ci sono premi in denaro o che si fanno “ingaggiare” dalle società, le quali sono disposte, a dare un valore economico alla loro partecipazione. Banalmente: “Se ti segni (traduzione: “iscrivi”) con noi ti paghiamo le gare”.

logo

Mi è capitato di ricevere telefonate prima della gara che abbiamo organizzato:

“Buongiorno, sono (xxxxxxxx). Sono previsti premi in denaro?”

“No, mi spiace”

“Ah, allora arrivederci”

E parliamo di personaggi che alle gare poi vengono additati come campioni o esempi di agonismo e sportività quasi con timore reverenziale, sottovoce, mentre quelli più audaci azzardano un saluto o una foto rubata.

Chiarisco subito come la penso.

Utenti
130
Articoli
419
Visite agli articoli
6009039